EMERGENZA CORONAVIRUS

Cari amici volontari, aspiranti volontari e soci,
sentiamo la necessità di informarvi su ciò che accade negli ambienti che abbiamo imparato a conoscere.
Le pediatrie di Cinisello e Carate sono state momentaneamente chiuse per poter dirottare il personale ospedaliero in ambiti dove in questo momento ci sono grandi carenze e necessità.
Il Pronto Soccorso pediatrico del San Gerardo di Monza è stato ridimensionato e spostato per concedere maggiori spazi alle esigenze di questa emergenza sanitaria.
La Pediatria di Monza e il DH Pediatrico del San Gerardo avevano già programmato da tempo il trasloco negli spazi del settore B, la cui ristrutturazione è appena finita. Il trasloco verrà comunque effettuato entro fine marzo ma noi volontari non potremo recarci nei luoghi per sistemare i nostri spazi. Gli infermieri si sono resi essi stessi disponibili per imballare parte del nostro materiale e per questo siamo loro riconoscenti..
E’ probabilmente inutile dirvi che il termine del 3 aprile, termine che ci eravamo dati per un possibile rientro in reparto, ovviamente “salta” …
Vi informeremo quando si faranno previsioni su un nostro rientro…che non sarà a breve….
Quello che abbiamo appena scritto sembra un bollettino di guerra?
Ecco! Oggi vorremmo spronarvi a pensare alla resilienza ed al modo in cui la nostra “Comunità ABIO” debba far proprio questo concetto di cui spesso abbiamo sentito parlare in ospedale.
Ora tocca a noi!
Un’enciclopedia online spiega che “la resilienza è un concetto che indica la capacità di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza alienare la propria identità.
Sono persone resilienti quelle che, immerse in circostanze avverse, riescono, nonostante tutto e talvolta contro ogni previsione, a fronteggiare efficacemente le contrarietà, a dare nuovo slancio alla propria esistenza e persino a raggiungere mete importanti.”
Abbiamo imparato a conoscere la resilienza nei bambini e negli adolescenti ammalati che devono seguire lunghi percorsi di cure difficili e spossanti ed ora noi non possiamo dire di non aver imparato la loro lezione e di essere da meno.
In questo momento donare un sorriso deve diventare un’arma contro l’ansia nostra e chi ci sta accanto, un messaggio da lanciare online per non scordarsi che essere volontari ABIO è anche questo: fare la “cultura del sorriso”, la cultura della resilienza!
ABIO c’è! ABIO Brianza siamo noi e noi siamo qui, chiamati ad un momento di difficile attesa ed apparente impotenza…ma siamo qui.
L’associazione è più viva che mai perché ogni socio, volontario o aspirante volontario ha ben presente che torneremo in corsia….ancor più consapevoli, dopo questo periodo di sosta, dell’importanza che il nostro volontariato ha in ospedale.
Torneremo in corsia più motivati di prima, sostenuti dalle parole degli infermieri e delle famiglie che in questi momenti ci fanno sapere quanto manchiamo loro….
Gli altri sono stati obbligati a ricordarsi del senso di appartenenza alla Comunità?
Noi lo sapevamo già, perché un Volontario è tale proprio perché si sente parte di una Comunità….e non stiamo solo parlando della Comunità ABIO…..
Facciamone una bandiera, un vessillo e mostriamo a tutti un rigore nel rispetto delle regole che ci proteggono tutti.
Per crescere insieme, tutti.
Un abbraccio ed un sorriso a distanza
Il Consiglio Direttivo
Susanna, Donatella, Raffaella, Graziano, Sergio, Roberto

ABIO BRIANZA OdV

Via Pergolesi 33
20900 Monza - (MB)
C.F. 94511210158

ORARIO SEGRETERIA

Lunedì 9.00 - 12.30
Martedì 9.00 - 12.30
Mercoledì 9.00 - 12.30
Giovedì 15.00 - 18.00
Venerdì 9.00 - 12.30